Prendersi cura dei tessuti pregiati: quali accorgimenti?

Prendersi cura dei tessuti pregiati: quali accorgimenti?

I tessuti pregiati sono una risorsa primaria nel confezionamento di abiti di qualità. AlmaTissues offre un ampio catalogo dedicato ai migliori tessuti, utilizzati da tanti brand italiani conosciuti in tutto il mondo. Scegliere un tessuto pregiato significa anche sapersene prendere cura con opportuni accorgimenti.

Un capo di abbigliamento cucito con stoffe di qualità è una garanzia nel tempo. I materiali usati sono infatti scarsamente passibili di usura e offrono un comfort ineguagliabile. Sarebbe però un errore pensare che i tessuti non abbiano bisogno di cura. Se infatti se ne vuole preservare bellezza e durata, sarà opportuno usare qualche piccolo accorgimento.

Professionisti o fai da te per la cura dei tessuti pregiati?

Ci sono alcuni capi di abbigliamento non facili da trattare. L’inesperienza o l’uso di prodotti non adatti a un determinato tessuto potrebbe quindi rovinarli. In tal caso, è preferibile affidarsi a una lavanderia accreditata, premurandosi di dare qualche indicazione specifica. Negli altri casi, si può procedere comodamente a casa purché si abbiano le giuste conoscenze e si usino accortezze particolari.

Cosa fare per trattare adeguatamente i tessuti pregiati

Per trattare adeguatamente i tessuti pregiati, la prima cosa da leggere bene è l’etichetta presente sul capo, dove vengono fornite indicazioni sulla tipologia di lavaggio da effettuare. Generalmente però valgono tutta una serie di regole di base, e nello specifico:

– chiudere bottoni e cerniere lampo che potrebbero recar danno alle stoffe delicate o tirarne i fili;
– usare detersivi non aggressivi adatti ai capi delicati. Qualora si scelgano prodotti con candeggina, premurarsi che siano a bassi dosaggi e studiati anche per i colorati;
– Non azzardare mai temperature alte per evitare che il capo subisca un trattamento troppo aggressivo;
– Non mischiare un capo dai tessuti pregiati con il bucato quotidiano;
– Utilizzare se possibile un retina con cui proteggere il capo.

Se si vuole lavare un abito in cachemere, meglio farlo a mano o a secco e comunque a temperature non superiori ai 30 gradi. Dopo il lavaggio, è necessario effettuare un risciacquo approfondito per eliminare ogni residuo di detersivo che potrebbe inficiarne le fibre delicate. Allo stesso modo, va eliminata l’acqua in eccesso per evitare che s’infeltrisca.

No Comments

Post A Comment