Piccoli trucchi per riconoscere le stoffe di qualità

stoffe di qualità

Piccoli trucchi per riconoscere le stoffe di qualità

Lana, cotone, seta: stoffe di grandissimo pregio quando sono di grande qualità. Ma come fare per riconoscerle? Esistono delle piccole astuzie di sarta per riuscire a riconoscere in un solo gesto se una stoffa è i fattura dozzinale o di ottima qualità. Per essere sicuri di avere sempre le migliori stoffe però la più grande astuzia  quella di fidarsi dei propri fornitori. Aziende come Almatissue, leader nel settore, tratta stock firmati della migliore qualità e con un rapporto qualità prezzo che solo l’ingrosso tessile può offrire.

Ma scopriamo insieme i trucchi  per riconoscere una fibra di alta qualità. 

Lana di alta qualità 

Il valore ed il pregio della lana dipendono strettamente dal diametro della fibra. Le fibre più sottili, e più costose, sono destinate all’abbigliamento. Quelle più spesse ai tappeti ed all’arredamento. Una fibra di alta qualità poi non farà piling ( creare nippoli). Ultima cosa da sapere: la lana di grande qualità è elastica. Essendo una fibra molto diffusa sul mercato il miglior modo di assicurarsi solo la migliore lana è quello di visitare un ingrosso tessile. 

Seta di alta qualità 

La seta è ugualmente una fibra molto diffusa. Ma spesso se non si conosce bene il fornitore si rischia di incappare su partite di seta di bassa qualità. Visitare un ingrosso tessile di fiducia assicura di avere sempre a disposizione stock firmati e di ottima qualità. Un trucco poco conosciuto per riconoscere la seta di qualità è quella di strofinare delicatamente il tessuto tra le dita, se il tessuto si riscalda allora la seta sarà di qualità. 

Cotone di alta qualità 

La qualità del cotone si misura alla lunghezza della fibra. Ovviamente le più grandi case d’abbigliamento italiane, come Gucci, Dolce&Gabbana, Zegna e tanti altri lavorano esclusivamente con fibre di alta qualità. Negli stock firmati i clienti potranno trovare le qualità più pregiate del cotone come il PimaSea Island o ancora il cotone egiziano.  

No Comments

Post A Comment