Tessuti double face, tra tradizione classica e modernità

Tessuti double face, tra tradizione classica e modernità

I tessuti double face identificano un tipo di stoffa caratterizzata da due dritti diversi. Il rovescio dunque manca e le due facce con armatura, colore e/o fantasia diverse. Nello specifico sono presenti tre ordini di fili con doppio ordito e una trama o con più trame. Queste possono avere colori e consistenze differenti che incrociano lo stesso ordito.

A volte il tessuto double face si ottiene con quattro ordini di fili che vanno a costituire un unico tessuto doppio. In tal caso il dritto e il rovescio si scambiano i “ruoli” e hanno un disegno identico, ma con i colori alternati e opposti. Le due parti sono tenute insieme con varie tecniche di intreccio in cui le armature possono essere uguali o diverse, ma comunque affini tra loro.

Per cosa vengono usati i tessuti double face

I tessuti double face trovano ampia applicazione nel settore dell’abbigliamento, laddove vengono usati soprattutto per la realizzazione di camicie e cravatte. Nel caso delle camicie, l’utilizzo di un tessuto double face sortisce anche un effetto estetico particolare, quando ad esempio si sbottona il colletto o si rimboccano le maniche.

I due tessuti, uniti, producono un tessuto più spesso che non rende necessario l’uso di una fodera.

Effetto double face con cinque ordini di fili

L’effetto double face si può ottenere anche con un metodo a cinque o più ordini di fili, definendo così due lati completamente diversi e indipendenti, tenuti insieme da un quinto elemento che li lega. In questo caso ognuno dei due lati può rappresentare il diritto della stoffa; rimuovendo il filo che li unisce i due tessuti si possono anche separare.

Con questa tecnica nota sin dagli anni ’60, sono state realizzate intere collezioni di abiti, tailleur, soprabiti., laddove i capi sono totalmente reversibili grazie alla cosiddetta cucitura “all’inglese”. Il tessuto doppio apribile coniuga alla perfezione tradizione classica e modernità, motivo per cui è ampiamente usato anche oggi.

No Comments

Post A Comment